Countdown (Conto alla rovescia) è la traccia numero otto ed il quinto singolo del nono album dei Rush, Signals pubblicato il 9 settembre del 1982.

Formazione Rush (1982)

  • Geddy Lee – basso, voce, tastiere,
  • Alex Lifeson – chitarra
  • Neil Peart – batteria

Traduzione Countdown – Rush

Testo tradotto di Countdown (Peart) dei Rush [Mercury]

Countdown

Lit up with anticipation
We arrive at the launching site
The sky is still dark,
nearing dawn
On the Florida coastline

Circling choppers slash the night
With roving
searchlight beams
This magic day when super-science
Mingles with the bright stuff of dreams

Floodlit in the hazy distance
The star of this unearthly show
Venting vapours, like the breath
Of a sleeping white dragon

Crackling speakers, voices tense
Resume the final count
All systems check,
“T” minus nine
As the sun and
the drama start to mount

The air is charged
A humid, motionless mass
The crowds and the cameras,
The cars full of spectators pass
Excitement so thick
you could cut it with a knife
Technology…
High, on the leading edge of life

The earth beneath us
starts to tremble
With the spreading of a low black cloud
A thunderous roar shakes the air
Like the whole world exploding

Scorching blast of golden fire
As it slowly leaves the ground
Tears away with a mighty force
The air is shattered by the awesome sound

Excitement so thick
you could cut it with a knife
Technology…
high, on the leading edge of life

Like a pillar of cloud
The smoke lingers high in the air
In fascination
With the eyes of the world
We stare…

Conto alla rovescia

Illuminato con largo anticipo
Arriviamo alla stazione di lancio
Il firmamento ancora è bruno,
si sta avvicinando l’alba
Sulla costiera Floridiana

Volteggianti elicotteri squarciano la notte
Con volteggianti fasci di luce
generati dal proiettore
In questo giorno incantato in cui la super-scienza
si sposa con gli splendenti affari dei sogni

Una volta giorno, lungo il caliginoso tratto
La stella di questo soprannaturale spettacolo
Dando sfogo ai vapori, come il respiro
Di un assopito drago dalle scaglie d’avorio

Mentre gli altoparlanti gracidano, voci tese
Riprendono la terminale conta
Tutti i sistemi vengono collaudati,
“T” a meno nove
Quando l’astro solare
e il dramma iniziano ad ascendere

L’aere è intensa
Una massa umida, immota
Il pubblico e le telecamere,
Le automobili cariche di spettatori passano
Un’eccitazione così palpabile
che puoi affettarla col coltello
Tecnologia…
In apoteosi, al culmine della propria esistenza

La superficie terracquea sottostante noi
comincia a tremare
Con l’emissione di una bassa nube nera
Un ruggito tonante scuote l’etere
Come se il mondo intero stesse esplodendo

Un rovente impulso di dorata fiamma
Quando pigramente si stacca dal suolo
Si lancia con una spinta poderosa
L’aria è spezzata dal fantastico suono

Un’eccitazione così palpabile
che puoi affettarla col coltello
Tecnologia…
In apoteosi, al culmine della propria esistenza

Una colonna di nubi
Il fumo indugia alto nell’atmosfera
Nello splendore
Con gli occhi del mondo
Noi fissiamo…

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags:  -  171 visite