Losing it (Smarrirlo) è la traccia numero quattro del nono album dei Rush, Signals pubblicato il 9 settembre del 1982.

Formazione Rush (1982)

  • Geddy Lee – basso, voce, tastiere,
  • Alex Lifeson – chitarra
  • Neil Peart – batteria

Traduzione Losing it – Rush

Testo tradotto di Losing it (Peart, Lifeson, Lee) dei Rush [Mercury]

Losing it

The dancer slows her frantic pace
In pain and desperation,
Her aching limbs and downcast face
Aglow with perspiration

Stiff as wire,
her lungs on fire,
With just the briefest pause
The flooding through her memory,
The echoes of old applause.

She limps across the floor
And closes her bedroom door…

The writer stare with glassy eyes
Defies the empty page
His beard is white, his face is lined
And streaked with tears of rage.

Thirty years ago,
how the words, would flow
With passion and precision,
But now his mind is dark and dulled
By sickness and indecision

And he stares out
the kitchen door
Where the sun will rise no more…

Some are born to move the world
To live their fantasies
But most of us just dream about
The things we’d like to be

Sadder still to watch it die
Than never to have known it
For you, the blind who once could see
The bell tolls for thee…
The bell tolls for…

For you, the blind who once could see
The bell tolls for thee…
The bell tolls for thee…

Smarrirlo

La ballerina modera la sua irrequieta pace
Nel dolore e nella disperazione,
Le sue doloranti membra ed il volto abbattuto
Raggianti madidi di sudore

Teso come una corda di violino,
i suoi polmoni in fiamme,
Con solo un succinto intervallo
L’alluvione scrosciante fra i suoi ricordi
Gli echi di un passato applauso.

Essa zoppica per tutto il corridoio
E chiude la porta della sua cameretta…

Lo scrittore fissa con gl’occhi vitrei
Sfugge alla bianca pagina
Bianca è la sua barba, grinzoso è il suo volto
E segnato con lacrime di collera.

Trent’anni orsono,
come le parole, desiderava librarsi in aria
Con passione e precisione,
Ma ora buia e tediosa è la sua mente
Resa così dalla mestizia e dall’indecisione

Ed esso continua a fissare oltre
la porta della cucina
Ove il sole mai più sorgerà…

Alcuni vengono al mondo per smuoverlo
Per vivere le loro fantasie
Ma la maggior parte di noi solamente sogna
Ciò che ognuno di noi desidererebbe diventare

Ancor più malinconico è scorgerlo appassire
di quanto lo è averlo mai compreso
Per te, il cieco un tempo poteva vedere
La campana suona per te…
La campana suona per…

Per te, il cieco un tempo poteva vedere
La campana suona per te…
La campana suona per te…

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags:  -  234 visite