The man’s too strong (Un uomo troppo vigoroso) è la traccia numero sette del quinto album dei Dire Straits, Brothers in Arms pubblicato il 13 maggio del 1985

Formazione Dire Straits (1985)

  • Mark Knopfler – voce, chitarra
  • John Illsley – basso
  • Terry Williams – batteria
  • Guy Fletcher – tastiere
  • Alan Clark – tastiere

Traduzione The man’s too strong – Dire Straits

Testo tradotto di The man’s too strong (Knopfler) dei Dire Straits [Warner Bros]

The man’s too strong

I’m just an aging drummer boy
and in the wars I used to play
And I’ve called the tune
to many a torching session
Now they say I am a war criminal
and I’m fading away
Father, please, hear my confession

I have legalized robbery,
called it belief
I have run with the money,
I have hid like a thief
Rewritten history
with my armies of my crooks
Invented memories,
I did burn all the books

And I can still hear his laughter
and I can still hear his song
The man’s too big,
the man’s too strong

Well, I have tried to be meek
and I have tried to be mild
But I spat like a woman
and I sulked like a child
I have lived behind walls,
that have made me alone
Striven for peace,
which I never have known

And I can still hear his laughter
and I can still hear his song
The man’s too big,
the man’s too strong

Well, the sun rose on the courtyard
and they all did hear him say
You always was a judas
but I got you anyway
You may have got your silver
but I swear upon my life
Your sister gave me diamonds
and I gave them to your wife

Oh father, please, help me
for I have done wrong
The man’s too big,
the man’s too strong

Un uomo troppo vigoroso

Io sono solo un venerando batterista
ed ero solito suonare durante la guerra
e ho dato il ritmo
a troppe torture
Ora essi dicon che sono un criminale di guerra
e sto scomparendo
Padre, la prego, ascolti la mia confessione

Legalizzai la rapina,
considerata ormai un credo
Sono fuggito con il malloppo,
mi son celato come un brigante
Riscrissi la storia
grazie l’esercito di truffatori
Reinventai ricordi,
feci bruciare ogni libro

E posso udire ancora la sua risata
e udire ancora la sua melodia
Quell’uomo era troppo immenso,
quell’uomo era troppo vigoroso

Beh, tentai d’esser docile
e tentai d’esser bonario
Ma sbraitavo come una donna
e tenevo il broncio come un bambino
Vissi al riparo dalle mura,
che mi resero isolato
Combattuto per la pace,
che mai ebbi conosciuto

E posso udire ancora la sua risata
e udire ancora la sua melodia
Quell’uomo era troppo immenso,
quell’uomo era troppo vigoroso

Beh, sorse il sole sul cortile
ed tutto ciò ch’essi fecero fu di ascoltarlo parlare
Tu sempre sei stato un giuda
ma t’accetto comunque
Tu dovresti guadagnare i tuoi pezzi d’argento
ma maledico la mia esistenza
Tua sorella mi donò diamanti
ed io li donai a tua madre

Oh padre, la prego, mi aiuti
per tutto ciò di sbagliato che ho fatto
Quell’uomo era troppo immenso,
quell’uomo era troppo vigoroso

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags:  -  893 visite