Time to pretend (Il momento di fingere) è la traccia che apre ed il primo singolo estratto dal disco d’esordio dei MGMT (anche conosciuti come The Management), Oracular Spectacular pubblicato il 2 ottobre del 2007.

Formazione MGMT (2007)

  • Andrew Vanwyngarden – voce, chitarra, tastiere, batteria
  • Ben Goldwasser – voce, tastiere, chitarra

Traduzione Time to pretend – MGMT

Testo tradotto di Time to pretend (VanWyngarden, Goldwasser) dei MGMT [Columbia]

Time to pretend

I’m feeling rough, I’m feeling raw,
I’m in the prime of my life.
Let’s make some music,
make some money,
find some models for wives.
I’ll move to Paris,
shoot some heroin
and fuck with the stars.
You man the island and the cocaine
and the elegant cars.

This is our decision,
to live fast and die young.
We’ve got the vision,
now let’s have some fun.
Yeah, it’s overwhelming,
but what else can we do.
Get jobs in offices,
and wake up for the morning commute.

Forget about our mothers and our friends
We’re fated to pretend
To pretend
We’re fated to pretend
To pretend

I’ll miss the playgrounds
and the animals and digging up worms
I’ll miss the comfort of my mother
and the weight of the world
I’ll miss my sister, miss my father,
miss my dog and my home
Yeah, I’ll miss the boredem and the freedom
and the time spent alone.

There’s really nothing,
nothing we can do
Love must be forgotten,
life can always start up anew.
The models will have children, we’ll get a divorce
We’ll find some more models,
everyting must run it’s course.

We’ll choke on our vomit
and that will be the end
We were fated to pretend
To pretend
We’re fated to pretend
To pretend

Il momento di fingere

Io mi sento rozzo, mi sento spietato,
sono nel fiore degli anni
vado a fare un po’ di musica,
fare un po’ di soldi,
a trovarmi po’ di modelle da sposare.
mi trasferirò a Parigi
mi farò un po’ d’eroina
e mi fotterò le star
tu, uomo, l’isola, la coca
e le macchine di classe

Abbiamo deciso così:
vivere freneticamente e morire giovani
abbiamo la visione…
e ora cerchiamo un po’ di divertimento
Si, è opprimente,
ma cos’altro possiamo fare?
Trovare lavori d’ufficio
e svegliarci la mattina da pendolari?

Scordatevi le mamme e gli amici
Il nostro destino è fingere
Fingere
Siamo destinati a fingere
Fingere

Mi mancheranno i campi giochi
e gli animali e i lombrichi nella terra
Mi mancherà il comfort della mamma
e il peso del mondo
mi mancherà mia sorella, mio padre,
il mio cane e casa mia
e sì, mi mancherà la noia, la libertà
e il tempo passato da solo

Ma non c’è proprio nulla,
nulla che possiamo fare
dobbiamo dimenticare l’amore,
la vita può sempre ripartire da zero
Le modelle avranno bambini, divorzieremo
troveremo qualche altra modella,
ogni cosa troverà la sua strada, è sicuro

Soffocheremo con il nostro stesso vomito
e sarà la fine
Il nostro destino era quello di fingere
Fingere
Il nostro destino era quello di fingere
Fingere