2112 è la traccia che apre e che dà il nome al quarto album dei Rush, pubblicato nell’aprile del 1976. Si tratta di una suite di oltre venti minuti, divisa in sette parti:
I Overture 0:00 – II The Temples of Syrinx 4:33 – III Discovery 6:45 – IV Presentation 10:14 – V Oracle: The Dream 13:56 – VI Soliloquy 15:56 – VII Grand Finale 18:17.

Formazione Rush (1976)

  • Geddy Lee – basso, voce
  • Alex Lifeson – chitarra
  • Neil Peart – batteria

Traduzione 2112 – Rush

La traduzione del testo di 2112 (Peart, Lee, Lifeson) dei Rush [Mercury]

2112

[I. OVERTURE]

“I lie awake, staring out at the bleakness
of Megadon.
City and sky become one,
merging into a single plane,
a vast sea of unbroken grey.
The Twin Moons,
just two pale orbs as
they trace their way
across the steely sky.
I used to think
I had a pretty good life here,
just plugging into
my machine for the day,
then watching Templevision or
reading a Temple Paper in the evening.

My friend Jon always said
it was nicer here than under
the atmospheric domes of the Outer Planets.
We have had peace since 2062,
when the surviving planets were banded together
under the Red Star of the
Solar Federation.
The less fortunate gave us a few new moons.

I believed what I was told.
I thought it was a good life,
I thought I was happy.
Then I found something that changed it all…”
Anonymous, 2112

“And the meek shall inherit the earth.”

[II. THE TEMPLES OF SYRINX]

… “The massive grey walls of the Temples
rise from the heart of every Federation city
I have always been awed by them,
to think that every single facet
of every life is regulated and directed from within!
Our books, our music,
our work and play are all
looked after by the benevolent
wisdom of the priests…”

We’ve taken care of everything
The words you hear the songs you sing
The pictures that give pleasure to your eyes.

It’s one for all and all for one
We work together common sons
Never need to wonder
how or why.

We are the Priests, of the Temples of Syrinx
Our great computers fill the hallowed halls.
We are the Priests, of the Temples of Syrinx
All the gifts of life are held
within our walls.

Look around this world we made
Equality our stock in trade
Come and join the Brotherhood of Man
Oh what a nice contented world
Let the banners be unfurled
Hold the Red Star proudly high in hand.

We are the Priests, of the Temples of Syrinx
Our great computers fill the hallowed halls.
We are the Priests, of the Temples of Syrinx
All the gifts of life are held
within our walls.

[III. DISCOVERY]

… “Behind my beloved waterfall,
in the little room that was hidden
beneath the cave, I found it.
I brushed away the dust of the years,
and picked it up, holding it reverently
in my hands. I had no idea
what it might be, but it was beautiful” …

… “I learned to lay my fingers
across the wires, and to turn the
keys to make them sound differently.
As I struck the wires with my other hand,
I produced my first harmonious sounds,
and soon my own music!
How different it could be
from the music of the Temples!
I can’t wait to tell
the priests about it! …”

What can this strange device be?
When I touch it, it gives forth a sound
It’s got wires that vibrate and give music
What can this thing be that I found?

See how it sings like a sad heart
And joyously screams out its pain
Chords that build high like a mountain
Or notes that fall gently like rain.

I can’t wait to share
this new wonder
The people will all see its light
Let them all make their own music
The Priests praise my name on this night.

[IV. PRESENTATION]

… “In the sudden silence
as I finished playing,
I looked up to a circle of grim,
expressionless faces.
Father Brown rose to his feet,
and his somnolent voice echoed
throughout the silent Temple Hall.” …

… “Instead of the grateful joy
that I expected,
they were words of quiet rejection!
Instead of praise, sullen dismissal.
I watched in shock and horror
as Father Brown ground my precious
instrument to splinters beneath his feet…”

I know it’s most unusual
To come before you so
But I’ve found an ancient miracle
I thought that you should know

Listen to my music
And hear what it can do
There’s something here as strong as life
I know that it will reach you.

The Priests:

Yes, we know it’s nothing new
It’s just a waste of time
We have no need for ancient ways
The world is doing fine

Another toy will help destroy
The elder race of man
Forget about your silly whim
It doesn’t fit the plan.

I can’t believe you’re saying
These things just can’t be true
Our world could use this beauty
Just think what we might do.

Listen to my music
And hear what it can do
There’s something here as strong as life
I know that it will reach you.

The Priests:

Don’t annoy us further
We have our work to do.
Just think about the average
What use have they for you?

Another toy will help destroy
The elder race of man
Forget about your silly whim
It doesn’t fit the plan.

[V. ORACLE: THE DREAM]

… “I guess it was a dream,
but even now it all seems
so vivid to me.
Clearly yet I see the beckoning
hand of the oracle
as he stood at the summit of the staircase” …

… “I see still the incredible beauty
of the sculptured cities and the pure spirit of man
revealed in the lives and works of this world.
I was overwhelmed by both wonder
and understanding as I saw a completely
different way to life, a way that had
been crushed by the Federation long ago.
I saw now how meaningless life
had become with the loss
of all these things …”

I wandered home though
the silent streets
And fell into a fitful sleep
Escape to realms beyond the night
Dream can’t you show me the light?

I stand atop a spiral stair
An oracle confronts me there
He leads me on light years away
Through astral nights, galactic days

I see the works of gifted hands
That grace this strange
and wondrous land
I see the hand of man arise
With hungry mind and open eyes

They left the planet long ago
The elder race still learn and grow
Their power grows with purpose strong
To claim the home where they belong
Home, to tear the Temples down…
Home, to change..

[VI. SOLILOQUY]

… “I have not left this cave for days now,
it has become my last refuge in
my total despair.
I have only the music of the waterfall
to comfort me now.
I can no longer live under
the control of the Federation,
but there is no other place to go.
My last hope is that
with my death I may pass into the world
of my dream, and know peace at last.”

The sleep is still in my eyes
The dream is still in my head
I heave a sigh and sadly smile
And lie a while in bed
I wish that it might come to pass
Not fade like all my dreams

Just think of what
my life might be
In a world like I have seen
I don’t think I can carry on
Carry on this cold and empty life
Oh…noo.

My spirits are low
in the depths of despair
My lifeblood spills over..

[VII. GRAND FINALE]

Attention all planets of the solar federation
Attention all planets of the solar federation
Attention all planets of the solar federation
We have assumed control
We have assumed control
We have assumed control

2112

[I. OUVERTURE]

“Giaccio sveglio, fissando la desolazione
di Megadon all’esterno.
Metropoli e cielo diventano un tutt’uno,
fondendosi in un unico livello,
un vasto mare di ininterrotta massa grigia.
Le Lune Gemelle,
solo due plumbei globi quando
tracciano il loro moto lungo
la ghiacciata volta celeste.
Sono solito ritenere
di avere un’esistenza accettabile qui,
solo connettere la spina
nel mio apparecchio per giorno,
poi guardare Templevision oppure
dare una letta al Temple Paper di sera.

Il mio amico Jon afferma che sempre
si stava meglio qui che sotto la
calotta atmosferica dei Pianeti Esterni.
Siamo rimasti in pace fino al 2062,
quando i pianeti sopravvissuti si coalizzarono insieme sotto la Stella Rossa della
Federazione Solare.
Il meno fortunato ci diede alcune nuove lune.

Io credo in ciò che mi raccontarono.
Io pensavo fosse una vita agiata,
Io pensavo fossi gaudioso.
Poi ho scoperto qualcosa che sovvertì tutto…”
Anonimo, 2112

“E la mansuetudine erediterà la terra.”

[II. IL TEMPIO DI SYRINX]

…”Le imponenti mure cineree dei Templi
si innalzano dal cuore d’ogni città della Federazione.
Io ne fui sempre intimorito,
fino a credere che ogni singolo risvolto
d’ogni vita è regolato e finalizzato dall’interno!
I nostri libri, la nostra musica,
il nostro lavoro e opera
sono curate dalla benevolente
saggezza dei sacerdoti…”

Noi ci prendiamo cura di tutto
Le parole che senti le canzoni che canti
Le immagini che danno gaudio ai tuoi occhi.

È un’uno per tutti e un tutti per uno
Noi operiamo insieme figli comunitari
Non c’è mai il bisogno di chiedersi
come e perchè

Noi siamo i sacerdoti, dei Templi di Sirynx
I nostri grandi computer invadono le sacrali sale.
Noi siamo i sacerdoti, dei Templi di Syrinx
Tutti i doni della vita sono
racchiusi all’interno delle nostre mura.

Guardatevi intorno al mondo che abbiamo creato
L’uguaglianza della nostra stirpe in commercio
Vienite e unitevi alla fratellanza degli uomini
Oh che gradevole mondo conteso
Lasciati che gli esuli siano piegati
Stringete e alzate la Stella Rossa con orgoglio

Noi siamo i sacerdoti, dei Templi di Sirynx
I nostri grandi computer invadono le sacrali sale.
Noi siamo i sacerdoti, dei Templi di Syrinx
Tutti i doni della vita sono
racchiusi all’interno delle nostre mura.

[III. SCOPERTA]

Dietro le mia adorate cascate,
nel piccolo locale che era stato nascosto
all’interno d’una grotta, Lo trovai.
Ho spazzato via la polvere delle epoche,
e l’ho raccolto, tenendolo con riverenza
tra le mie mani. Non avevo la più pallida idea
di cosa possa essere, ma era bellissimo”…

…”Ho imparato a poggiare le mie dita
lungo le corde, e a girare le
chiavi fino a far scaturire loro un timbro diverso.
Come ho pizzicato le corde con l’altra mano,
ho prodotto il mio primo suono armonioso,
e presto la mia musica personale!
Per quanto possa essere differente
dalle composizioni dei Templi!
Non posso aspettare di raccontare
ai sacerdoti questo fatto!…”

Cosa potrà mai essere questo strano congegno?
Quando l’ho toccato, ha dato alla luce un suono
Ha corde che vibrano e producono melodia
Cosa può essere quest’oggetto che ho trovato?

Guarda come suona simile ad un mesto cuore
e come strilla gioiosamente la sua pena
Accordi che sorgono come una montagna
O note che scendono dolci come la pioggia.

Non posso aspettare di condividere
questa nuova meraviglia
Il popolo lo vedrà in tutto il suo splendore
Lasciatelo comporre la sua stessa musica
I Sacerdoti canteranno il mio nome questa notte.

[IV. PRESENTAZIONE]

…”Nel silenzio improvviso
dopo che io ebbi finito di suonare,
alzai lo sguardo su un circolo di lugubri,
apatici volti.
Padre Brown si reggeva dai suoi piedi,
e la sua voce intorpidita echeggiò
attraverso il silenzio dell’entrata al Tempio”…

…”Invece della gratificante letizia
che mi aspettavo,
loro ebbero parole di silenziosa abiura!
Invece dell’inno, il tetro rifiuto.
Io guardai nello shock e nel terrore
come Padre Brown frantumò il mio prezioso strumento in schegge sotto i suoi piedi…”

Io so che è stato il più inusuale oggetto
ad arrivare prima di voi allora
Ma ho scoperto un miracolo ancestrale
Io ritenevo che voi lo avreste dovuto conoscere

Ascoltate la mia musica
E udite di cosa sono capace
C’è qualcosa qui profondo come la vita
Io sono sicuro che vi catturerà

Sacerdoti:

Sì, sappiamo che non è nulla di nuovo
è solo una perdita di tempo
Non abbiamo bisogno di strade arcaiche
Il mondo sta bene

Un altro balocco che aiuterà a spazzare via
l’antica razza degli uomini
Dimentica il tuo sciocco capriccio
Non è adatto nel piano.

Non posso credere a ciò che dici
Queste cose solo non possono essere vere
Il nostro mondo può usare codesta beltà
Pensate solo a quello che possiamo fare.

Ascoltate la mia musica
E udite di cosa sono capace
C’è qualcosa qui profondo come la vita
Io sono sicuro che vi catturerà

Sacerdoti:

Non ci infastidire ancora per molto
abbiamo il nostro lavoro da compiere.
Pensa solo alla media
Che utilizzo hanno loro per te?

Un altro balocco che aiuterà a spazzare via
l’antica razza degli uomini
Dimentica il tuo sciocco capriccio
Non è adatto nel piano.

[V. L’ORACOLO: IL SOGNO]

…”Io spero fosse un sogno,
ma al pari di adesso sembra
del tutto così vivido per me.
Rivedo ancora chiaramente
la mano dell’oracolo che mi invitava
come lui si alzò dalla sommità della scalinata”…

…”Io vedo ancora l’incredibile bellezza
delle città scolpite e il puro animo dell’uomo
rivelato nelle vite e nei lavori di questo creato.
Io ero sopraffatto sia dalla meraviglia sia
dal carpire come io vidi una filosofia di vita
completamente diversa, una filosofia che era
stata annientata dalla Federazione tempo fa.
Io ora vedo come una vita senza significato
sarebbe dovuta essere
con la privazione di tutte queste cose…”

Io mi sono allontanato da casa
nonostante le strade silenti
E sono caduto in un sonno irregolare
Scappo per i reami al di là della notte
Sogno, puoi mostrarmi la luce?

Me ne sto sulla cima di una scala a chiocciola
Un Oracolo mi fronteggia lì
Lui mi guida sul balenio degli anni andati
Attraverso le notti astrali, giorni galattici

Io vedo le opere delle mani prodigiose
Quella grazia questa sconosciuta
e sorprendente terra
Io vedo la mano dell’uomo alzarsi
con un animo affamato e gli occhi aperti

Loro hanno abbandonato il pianeta tempo fa
L’antica razza ancora impara e cresce
Il loro potere insorge con forti obbiettivi
Per affermare la patria alla quale appartengono
Casa, per demolire i Templi…
Casa, per cambiare…

[VI. SOLILOQUIO]

…”Io non ho lasciato questa grotta per giorni ora,
ora deve esserci il mio nuovo rifugio
nella mia più totale disperazione.
Ho solo la melodia delle cascate
a confortarmi ora.
Non posso vivere ancora a lungo
sotto il controllo della Federazione,
ma non ho nessun posto dove andare.
La mia ultima speranza è che
con la mia morte io possa passare nel mondo
del mio sogno, e conoscere finalmente la pace.”

Il sonno è ancora nei miei occhi
Il sogno è ancora nella mia testa
Io ho un singhiozzo e un sorriso malinconico
E giaccio un momento nel talamo
Io spero che possa venire per passare
Non svanire come tutti i miei sogni

Solo elucubrare su cosa potrebbe
essere la mia esistenza
In un mondo simile a quello che ho visto
Non penso di poter andare avanti
Andare avanti in questa fredda e vuota vita
Oh… noo.

I miei spiriti sono deboli
nelle profondità della mia disperazione
La mia linfa vitale fuoriesce..

[VII. GRAN FINALE]

Attenzione a tutti i pianeti della federazione solare
Attenzione a tutti i pianeti della federazione solare
Attenzione a tutti i pianeti della federazione solare
Abbiamo assunto il controllo
Abbiamo assunto il controllo
Abbiamo assunto il controllo

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags:  -  1.355 visite