Crea sito

Audience of one – Rise Against

Audience of one (L’unico pubblico) è la traccia numero otto del quinto album dei Rise Against, Appeal to Reason, pubblicato il 7 ottobre del 2008. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione Rise Against (2008)

  • Tim McIlrath – voce, chitarra
  • Zach Blair – chitarra
  • Joe Principe – basso
  • Brandon Barnes – batteria

Traduzione Audience of one – Rise Against

Testo tradotto di Audience of one (McIlrath) dei Rise Against [Geffen]

Audience of one

I can still remember
The words and what they meant
As we etched them with our fingers
In years of wet cement
The days blurred into each other
Though everything seemed clear
We cruised along at half speed
But then we shifted gears

We ran like vampires
from a thousand burning suns
But even then we should have stayed
But we ran away
Now all my friends are gone
Maybe we’ve outgrown all the things
that we once loved
Runaway
But what are we running from?
A show of hands from those
in this audience of one
Where have they gone?

Identities assume us
As nine and five add up
Synchronizing watches
To the seconds that we lost
I looked up and saw you
I know that you saw me
We froze but for a moment
In empathy

I brought down the sky for you
but all you did was shrug
You gave my emptiness a name
But you ran away
Now all my friends are gone
Maybe we’ve outgrown all the things
that we once loved
Runaway
But what are we running from?
A show of hands from those
in this audience of one
Where have they gone?

We’re all ok,
until the day we’re not
The surface shines, while the inside rots
We raced the sunset
and we almost won
We slammed the brakes,
but the wheels went on

We ran away
Now all my friends are gone
Maybe we’ve outgrown all the things
that we once loved
Runaway
But what are we running from?
A show of hands from those
in this audience of one
Where have they gone?

L’unico pubblico

Posso ancora ricordare
Le parole e cosa significano
Mentre le incidavamo con le nostre dita
Negli anni nel cemento fresco
I giorni sfocati gli uni dagli altri
Anche se sembrava tutto chiaro
Viaggiavamo a velocità moderata
Ma poi abbiamo spostato gli ingranaggi

Corriamo come vampiri
da mille soli ardenti
Ma anche allora saremmo dovuti restare
Ma siamo scappati
Adesso i miei amici se ne sono andati
Forse abbiamo ingrandito tutte le cose
che amavamo una volta
Scappando
Ma da cosa?
Uno spettacolo di mani da quelli
di questo unico pubblico
Dove se ne saranno andati?

Le identità ci assumono
Mentre si aggiungono il 9 e il 5
Sgaurdi sincronizzati
Ai secondi che abbiamo perso
Ho guardato e ti ho visto
Sapevo che mi vedevi
Ci congelavamo per un momento
Nell’empatia

Sono sceso dal cielo per te,
ma tu hai solamente scrollato
Hai dato un nome al mio vuoto
Ma te ne sei andata
Adesso i miei amici se ne sono andati
Forse abbiamo ingrandito tutte le cose
che amavamo una volta
Scappando
Ma da cosa?
Uno spettacolo di mani da quelli
di questo unico pubblico
Dove se ne saranno andati?

Stiamo tutti bene,
fino al giorno in cui non lo siamo
La superficie brilla mentre l’interno marcisce
Abbiamo corso il tramonto
ed avevamo quasi vinto
Abbiamo sbattuto i freni,
ma le ruote continuavano ad andare

Siamo scappati
Adesso i miei amici se ne sono andati
Forse abbiamo ingrandito tutte le cose
che amavamo una volta
Scappando
Ma da cosa?
Uno spettacolo di mani da quelli
di questo unico pubblico
Dove se ne saranno andati?

* traduzione inviata da El Dalla

233 visite

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.