At last, forever – Jethro Tull

At last, forever (Durare, per sempre) è la traccia numero nove del diciannovesimo album dei Jethro Tull, Roots to Branches, pubblicato il 4 settembre del 1995.

Formazione Jethro Tull (1995)

  • Ian Anderson – voce, flauto traverso, chitarra acustica
  • Martin Barre – chitarra
  • Doane Perry – batteria
  • Andrew Giddings – tastiere
  • Steve Bailey – basso

Traduzione At last, forever – Jethro Tull

Testo tradotto di At last, forever (Anderson) dei Jethro Tull [Chrysalis]

At last, forever

So why are you holding my hand tonight?
I’m not intending to go far away.
I’m just slipping through to the back room
I’ll leave you messages almost every day.
And who was I to last forever?
I didn’t promise to stay the pace.
Not in this lifetime, babe
but we’ll cling together:
some kind of heaven written in your face.
So why are you holding my hand tonight?
Well, am I feeling so cold to the touch?
Do my eyes seem to focus
on some distant point?
Why do I find it hard to talk too much?
And who was I to last forever?
I didn’t promise to stay the pace.
Not in this lifetime, babe
but we’ll cling together:
some kind of heaven written in your face.

So why are you holding my hand tonight?
I’m not intending to go far away.
I’m just slipping through to the back room
I’ll leave you messages almost every day.
And who was I to last forever?
I didn’t promise to stay the pace.
Not in this lifetime, babe
but we’ll cling together:
some kind of heaven written in your face.

Durare, per sempre

Allora perché mi tieni per mano stanotte?
Non voglio andare lontano
Sto solo dormendo nella stanza di servizio
Ti manderò messaggi quasi ogni giorno
E chi ero io, per durare, per sempre?
Non avevo promesso di tenere il passo.
Non in questa vita, piccola
Ma staremo sempre assieme:
sarà una specie di paradiso scritto sul tuo viso.
Allora perché mi tieni per mano stanotte?
Dunque, mi sento così freddo al tatto?
I miei occhi focalizzano
un qualche punto lontano?
Perché trovo difficile parlare tanto?
E chi ero io per sopravvivere per sempre?
Non avevo promesso di tenere il passo
Non in questa vita, tesoro
Ma staremo sempre assieme:
sarà una specie di paradiso scritto sul tuo viso.

Allora perché mi tieni per mano stanotte?
Non voglio andare lontano
Sto solo dormendo nella stanza di servizio
Ti manderò messaggi quasi ogni giorno
E chi ero io, per durare, per sempre?
Non avevo promesso di tenere il passo.
Non in questa vita, piccola
Ma staremo sempre assieme:
sarà una specie di paradiso scritto sul tuo viso.

268 visite

Potrebbero piacerti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.