Too old to rock’n’roll too young to die – Jethro Tull

Too old to rock’n’roll too young to die (Troppo vecchio per il rock’n’roll, troppo giovane per morire) è la traccia numero otto e quella che da il nome al nono album dei Jethro Tull, pubblicato il 23 aprile del 1976. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione Jethro Tull (1976)

  • Ian Anderson – voce, chitarra, flauto traverso, armonica
  • Martin Barre – chitarra
  • John Glascock – basso
  • Barriemore Barlow – batteria
  • John Evan – pianoforte

Traduzione Too old to rock’n’roll… – Jethro Tull

Testo tradotto di Too old to rock’n’roll too young to die (Anderson) dei Jethro Tull [Chrysalis]

Too old to rock’n’roll
too young to die

The old Rocker wore
his hair too long,
Wore his trouser cuffs too tight.
Unfashionable to the end,
drank his ale too light.
Death’s head belt buckle
yesterday’s dreams
The transport caf’
prophet of doom.
Ringing no change
in his double-sewn seams
In his post-war-babe gloom.

Now he’s too old to Rock’n’Roll
but he’s too young to die.

He once owned a Harley Davidson
and a Triumph Bonneville.
Counted his friends
in burned-out spark plugs
And prays that he always will.
But he’s the last of the blue blood greaser boys
All of his mates are doing time
Married with three kids up by the ring road
Sold their souls straight down the line.
And some of them own little sports cars
And meet at the tennis club do’s.
For drinks on a Sunday, work on Monday.
They’ve thrown away their
blue suede shoes.

Now they’re too old to Rock’n’Roll
and they’re too young to die.

So the old Rocker gets out his bike
To make a ton before he takes his leave.
Up on the A1 by Scotch Corner
Just like it used to be.
And as he flies, tears in his eyes
His wind-whipped words
echo the final take
And he hits the trunk road doing around 120
With no room left to brake.

And he was too old to Rock’n’Roll
but he was too young to die.
No, you’re never too old to Rock’n’Roll
if you’re too young to die.

Troppo vecchio per il rock’n’roll,
troppo giovane per morire

Il vecchio rocker aveva
i capelli troppo lunghi
i risvolti dei pantaloni troppo tresti
Fuori moda fino alla fine
beveva la sua birra troppo leggera
La fibbia della cintura col teschio
i sogni di ieri
L’autogrill per camionisti
profeta di sventura
Non c’era il suono di nessun cambiamento
nella sue doppie cuciture
Nel suo buio post-guerra da bambino

Ora lui è troppo vecchio per il Rock’n’Roll
ma è troppo giovane per morire

Una volta possedeva una Harley Davidson
e una Triumph Bonneville
Contava i suoi amici
nelle candele d’accensione bruciate
E prega che lo farà sempre
Ma lui è l’ultimo dei biker dal sangue blu
Tutti i suoi compagni hanno fatto il loro tempo
Sposati con tre figli su per la circonvallazione
Venduto la loro anima dritti al futuro
e alcuni di loro hanno della piccole auto sportive
e si incontrano al tennis club
per il drink la domenica, al lavoro il lunedi
Hanno buttato via le loro scarpe
di pelle scamosciata blu

Ora loro sono troppo vecchi per il Rock’n’Roll
ma sono troppo giovani per morire

Così il vecchio rocker esce con la sua moto
per fare i 160 km/h prima di congedarsi
sull’autostrada A1 da Scotch Corner
proprio come una volta
e lui vola, le lascrime negli occhi
Le sue parole sconvolte dal vento
echeggiano la conclusione finale
andò a sbattere andando ai 190 km/h
senza aver possibilità di frenare

E lui era troppo vecchio per il Rock’n’Roll
ma era troppo giovane per morire
No, non sei mai troppo vecchio per il R’n’R
se sei troppo giovane per morire

99 visite

Potrebbero piacerti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*