Crea sito

The battle of evermore – Led Zeppelin

The battle of evermore (La battaglia di sempre) è la traccia numero tre del quarto album dei Led Zeppelin, Led Zeppelin IV, pubblicato l’8 novembre del 1971. Nel brano ci sono molti riferimenti al Signore degli Anelli.

Formazione Led Zeppelin (1971)

  • Robert Plant – voce
  • Jimmy Page – chitarra
  • John Paul Jones – basso
  • John Bonham – batteria

Traduzione The battle of evermore – Led Zeppelin

Testo tradotto di The battle of evermore (Page, Plant) dei Led Zeppelin [Atlantic]

The Queen of Light took her bow,
And then she turned to go,
The Prince of Peace embraced the gloom,
And walked the night alone.

La regina della luce prese il suo arco
E si voltò per andare
Il Principe della Pace abbracciò le tenebre
E attraversò la notte da solo.

Oh, dance in the dark of night,
Sing to the morning light.
The dark Lord rides in force tonight,
And time will tell us all.

Ohh danzate nell’oscurità della notte,
Cantate con la luce del mattino
Il malvagio Signore cavalca in forze stasera
E il tempo ci dirà tutto

Oh, throw down your plow and hoe,
Rest not to lock your homes.
Side by side we wait the might
Of the darkest of them all.

Ohh gettate a terra il vostro aratro e la vostra zappa
Non chiudete a chiave le vostre case

Fianco a fianco aspettiamo la grandezza
Dei più malvagi fra loro. Ohhh.

I hear the horses’ thunder down in the valley below,
I’m waiting for the angels of Avalon, waiting for the eastern glow.

Odo il fragore dei cavalli giù nella valle.
Aspetto gli angeli di Avalon, aspetto il bagliore dell’oriente.

The apples of the valley hold the seeds of happiness,
The ground is rich from tender care,
Repay, do not forget, no, no.

Le mele della valle hanno in sé i semi della felicità
La terra è ricca per la attenta cura
Ricambiatela, non dimenticate. Ohhh No!, no!

Dance in the dark of night,
Sing to the morning light.
The apples turn to brown and black,
The tyrant’s face is red.

Danzate nell’oscurità della notte,
Cantate con la luce del mattino
Le mele diventeranno marroni e nere
Il volto del tiranno è rosso. Oooh

Oh war is the common cry,
Pick up your swords and fly.
The sky is filled with good and bad
That mortals never know.

Hohh adesso!La guerra è pianto collettivo
Raccogliete le vostre spade e volate.
Il cielo è pieno di bontà e cattiveria
Che i mortali non conosceranno mai. Ohh.

Oh, well, the night is long, the beads of time pass slow,
Tired eyes on the sunrise, waiting for the eastern glow.

Oh bene, la notte è lunga, il tempo si sgrana lento
Occhi stanchi all’alba che aspettano il sorgere del sole.

The pain of war cannot exceed the woe of aftermath,
The drums will shake the castle wall,
The ring wraiths ride in black, ride on.

Il dolore della guerra non può superare il dolore di ciò che verrà dopo.
I tamburi scuoteranno le mura del castello.
Gli Spettri dell’Anello cavalcano vestiti di nero. Avanzano.

Sing as you raise your bow,
Shoot straighter than before.
No comfort has the fire at night
That lights the face so cold.

Ohhh Cantate mentre sollevate il vostro arco,
Cavalcano. Tirate più dritto di prima
Niente conforto ha il fuoco di quella notte
Quei bagliori, il volto così freddo

Oh dance in the dark of night,
Sing to the morning light.
The magic runes are writ in gold to bring the balance back.
Bring it back.

Ohhh danzate nell’oscurità della notte,
Cantate con la luce del mattino.
Le rune magiche sono scritte in oro per riequilibrare la bilancia. Per riequilibrarla.

At last the sun is shining,
The clouds of blue roll by,
With flames from the dragon of darkness,
The sunlight blinds his eyes.

Alla fine il sole splende
Le nuvole della tristezza vengono cacciate
Con le fiamme del drago dell’oscurità
La luce del sole acceca i suoi occhi. Occhi.

Una risposta a “The battle of evermore – Led Zeppelin”

  1. Meravigliosa canzone ispirata dall’eterna lotta tra il bene ed il male con un sound folk fantastico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.