Crea sito

4.41 AM (sexual revolution) – Roger Waters

4.41 AM (sexual revolution) (4.41 del mattino, rivoluzione sessuale) è la traccia numero cinque del primo album di Roger Waters, The Pros and Cons of Hitch Hiking, pubblicato il 30 aprile del 1984. [♫ video ufficiale ♫]

Traduzione 4.41 AM (sexual revolution) – Roger Waters

Testo tradotto di 4.41 AM (sexual revolution) di Roger Waters [Columbia]

Hey…girl
Take out the dagger
And let’s have a stab at the sexual revolution

Hey ragazza
Tira fuori il pugnale
E diamo un colo alla rivoluzione sessuale

Hey girl
Let freedom for all be our rallying call
Tomorrow lets make…our new resolution

Hey ragazza
Lascia che la libertà per tutti sia il nostro grido di battaglia
Domani faremo… un nostro nuovo proposito

Yeah, but tonight lie still
While I plunder your sweet grave
And remember
Only the poor can be saved

Yeah, ma stanotte restiamo immobili
mentre saccheggio la tua dolce tomba
E ricorda
solo il povero può essere salvato

Hey girl
As I’ve always said I prefer your lips red
Not what the good Lord made
But what he intended

Hey ragazza
Come ho sempre detto preferisco le tue labbra rosse
Non quelle che il buon Dio ha fatto
Ma quello che intendeva

Hey girl
Don’t point the finger at me
I am only a rat in a maze like you
And only the dead go free

Hey ragazza
Non puntare il tuo dito contro di me
Sono solo un topo in un labirinto come te
E solo la morte ci libererà

So…please hold my hand
As we blunder through the maze
And remember
Nothing can grow without rain

Allora… per favore stringi la mia mano
Mentre brancoliamo attraverso il labirinto
E ricorda
Niente può crescere senza pioggia

Don’t point
Don’t point your finger at me
I woke in a fever
The bedclothes were all soaked in sweat
She said “You’ve been having a nightmare
And it’s not over yet”
Then she picked up the doggy in the window
(The one with the waggly tail)
And she put him to bed between two bits of bread

Non puntare
Non puntare il tuo dito contro di me
Mi sono svegliato con la febbre
Le lenzuola erano tutte inzuppate di sudore
Lei disse “Stai avendo un incubo
E non è ancora finito”
Allora lei afferrò il cagnolino alla finestra
(Quello con la coda che scodinzolava)
E lo mise nel letto tra due fette di pane.

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.