Crea sito

Said she was a dancer – Jethro Tull

Said she was a dancer (Diceva di essere una ballerina) è la traccia numero quattro del sedicesimo album dei Jethro Tull, Crest of a Knave pubblicato l’11 settembre del 1987.

Formazione Jethro Tull (1987)

  • Ian Anderson – voce, flauto traverso, chitarra, tastiere
  • Martin Barre – chitarra
  • Dave Pegg – basso
  • Doane Perry – batteria
  • Ric Sanders – violino

Traduzione Said she was a dancer – Jethro Tull

Testo tradotto di Said she was a dancer (Anderson) dei Jethro Tull [Chrysalis]

Said she was a dancer

She said she was a dancer.
If I believed it, it was my busines
She surely knew a thing
or two about control.
Next to the bar we hit the samovar.
She almost slipped right through my fingers.
It was snowing outside and in her soul.

Well, maybe you’re a dancer,
and maybe I’m the King of Old Siam.
I thought it through…
best to let the illusion roll.
I wouldn’t say
I’ve never heard that tale before,
My frozen little senorita,
But if your dream is good,
why not share it
when the nights are cold?

Hey Moscow, what’s your story?
Lady, take your time, don’t hurry.
Maybe a student of the agricultural plan.
Hey Moscow, what’s your name?
If you don’t want to say, don’t worry.
It would probably be hard for me
to make it scan.

With her phrase book in her silk soft hand
She spoke in riddles while the vodka listened.
I said, “Let me look up love,
if I might be so bold.”
She was the nearest thing to Rock and Roll
That side of the velvet curtain
That separates eastern steel
from western gold.

Hey Miss Moscow, what’s your story?
You needn’t speak aloud,
just whisper.
Am I just the closest thing to an Englishman?
You’ve seen me in your magazines,
or maybe on state television.
I’m your Pepsi-Cola,
but you won’t take me out the can.
She said she was a dancer, so she did.

She said she was a dancer.
If I believed it, it was my business.
It felt like a merry dance
that I was being led.
So I stole one kiss.
It was a near miss.
She looked at me like I was Jack the Ripper.
She leaned in close.
“Goodnight,” was all she said.

Diceva di essere una ballerina

Diceva di essere una ballerina
se ci ho creduto furono affari miei
Lei sicuramente sapeva una cosa
o due riguardo il controllo.
Accanto al bar ci ha colpito il samovar.
Lei quasi scivolò tra le mie dite
Stava nevicando fuori e nella sua anima.

Beh, forse sei una ballerina,
e forse io sono il re del Siam
Ho pensato bene …
meglio lasciare che l’illusione continui
Non direi di
non aver mai sentito quella storia prima,
mia signorina congelata
ma se il tuo sogno è buono,
perché non condividerlo
quando le notti sono fredde?

Hey, Mosca, qual’è la tua storia?
Dama, prenditi il tuo tempo, non avere fretta.
Forse una studentessa di un piano agrario
Ehi Mosca, come ti chiami?
Se non lo vuoi dire, non ti preoccupare
probabilmente sarà difficile per me
scandirlo bene.

Con il vocabolario nelle sue morbide mani di seta
parlò per enigmi mentre la vodka ascoltava
Dissi: “Vorrei cercare l’amore,
se posso essere cos’ audace.”
Lei era la cosa più vicina al rock and roll
Quel lato di velluto del sipario
Che separa l’acciaio orientale
dall’oro occidentale.

Hey, Miss Mosca, qual’è la tua storia?
Non c’è bisogno di parlare ad alta voce,
basta sussurare.
Io sono solo la cosa più vicina ad un inglese?
Mi hai visto nelle tue riviste,
o forse nella televisione di stato.
Io sono la tua Pepsi Cola
ma non mi toglierai il barattolo.
Diceva di essere una ballerina, così fece.

Diceva di essere una ballerina
se ci ho creduto furono affari miei
Sembrava una danza allegra
in cui ero stato guidato.
Così ho rubato un bacio,
fu un mancato incidente
Mi guardò come se fossi Jack lo Squartatore.
Lei diventò fredda
“Buonanotte” fu tutto quello che disse.

619 visite

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.